Skinny fat: magri con la pancia!

0
86

In Italia ed, in generale, nei paesi occidentali, è noto ci sia un problema legato all’alimentazione. L’eccessivo consumo di cibi dall’elevato apporto calorico e molti altri comportamenti errati hanno fatto sì che il numero di persone obese nel mondo aumentasse vertiginosamente e in maniera preoccupante, rendendo questa condizione un vero e proprio problema sociale.
Tuttavia, dietro la vasta schiera di persone obese che vivono nei paesi industrializzati, si cela un’altra categoria, alla quale molto spesso non si dedica la giusta attenzione: i cosiddetti skinny fat.
Skinny Fat, che in italiano si traduce con “magro grasso”, sembra quasi un ossimoro, un accostamento di parole esattamente opposte. Eppure, questa condizione non è affatto astratta, anzi è tipica di una fascia di popolazione ben precisa.

Lo skinny fat innanzitutto è una persona di sesso maschile. È una persona apparentemente magra, che non mostra segni di accumulo di grasso, soprattutto quando è vestita. All’apparenza, dunque, coloro che vedono lo skinny fat ritengono che esso non abbia un filo di pancia.
Invece è esattamente il contrario. Lo skinny fat, infatti, è una persona che presenta una costituzione prevalentemente magra. In ciò può contare anche sull’aiuto della genetica, che fa sì che l’adipe non si accumuli in tutte le zone del corpo; tuttavia, la persona ha degli accumuli di grasso solitamente localizzati, che si concentrano prevalentemente a livello dell’addome e del basso ventre.
Di conseguenza, braccia, gambe e petto risultano magri, mentre a livello addominale si assiste a un accumulo di tessuto adiposo, che in molti casi è difficile da allontanare.
È inutile dire che si tratta di una condizione corporea che, nei casi più estremi, è certamente poco gradevole dal punto di vista estetico.

skinny fat transformation
Un soggetto skinny fat, all’apparenza magro ma con la pancia

Cosa spinge uno skinny fat a essere tale?

I motivi per cui un ragazzo o un uomo può rientrare nella definizione di skinny fat sono diversi, e principalmente legati all’alimentazione.
Il caso più comune è rappresentato da individui che, dal punto di vista costituzionale, sono magri e tendono a ingrassare poco, o a non mettere affatto peso. Tuttavia, questa condizione può cambiare radicalmente se queste persone continuano a seguire una dieta non equilibrata e a mangiare molto. Non c’è metabolismo che tenga: l’esagerazione porta sempre con sé problemi di varia natura e l’accumulo di grasso antiestetico.
Dal punto di vista alimentare, un generico aumento calorico, nonché un abuso di alcol e di carboidrati, sono le principali cause del fenomeno.
Un’altra situazione piuttosto comune è rappresentata da quegli individui che raggiungono la condizione di “skinny fat” dopo aver seguito un regime alimentare dimagrante e ipocalorico ed essersi allenati esclusivamente con attività fisica di tipo aerobico (anche nota con il termine “cardio”). In questo caso, infatti, si assiste a una generica perdita di massa grassa, eppure il tessuto adiposo accumulato a livello dell’addome risulta più difficile da mandare via, dando vita a un effetto del tutto antiestetico, una condizione che tutti cercano di evitare.
Infine, vi sono skinny fat che si ritrovano in questa categoria a causa di problemi ormonali a carico della tiroide, la quale secerne gli ormoni che controllano il metabolismo. In questo caso, tuttavia, agire sulla dieta potrebbe risultare poco utile, per cui è opportuno che ci si affidi alle mani esperte e sapienti di un buon endocrinologo.


Il processo di dimagrimento inizia con l’alimentazione

Il primo step nella skinny fat transformation è studiare un regime alimentare. Si deve però trattare di una dieta su misura, in grado di rispondere alle esigenze del proprio organismo, bilanciando al meglio i macronutrienti.
Un problema comune alla stragrande maggioranza degli skinny fat – la cui muscolatura è piuttosto limitata – è lo scarso consumo di proteine, a vantaggio dei carboidrati che risultano dunque sovrarappresentati nella dieta.
Il primo step, quindi, è sicuramente quello di ridurre la quantità di carboidrati semplici che vengono assunti, preferendo invece il consumo di cereali integrali e fibre in elevate quantità.
L’aumentato consumo di proteine, che deve aggirarsi intorno ai 2 grammi per kilogrammo di peso corporeo, dev’essere ovviamente accompagnato da uno specifico allenamento.
A tal proposito, vi è la convinzione che per dimagrire sia necessario esclusivamente fare un allenamento di tipo cardio. Si tratta di un errore: per quanto l’attività aerobica sia importante, infatti, per allontanare il grasso dalle zone in cui questo è più ostinato è invece necessario accompagnare l’allenamento cardio con i pesi o, in generale, con degli esercizi che favoriscono la crescita della massa magra.
Ovviamente, a questo livello è consigliabile farsi seguire da un personal trainer preparato, il cui obiettivo è quello di studiare un allenamento su misura del cliente e insegnargli i principi basilari su cui basarsi per effettuare al meglio un movimento del corpo.
Solo dopo aver impostato un regime alimentare corretto ed aver perso di conseguenza un po’ di peso, è possibile dedicarsi alla seconda parte, che prevede una maggiore attenzione nei riguardi dell’attività fisica.


Perdere il grasso ostinato: il set point

Perdere il grasso che si ostina e che risulta più difficile da allontanare è possibile. Sempre seguendo un regime alimentare adeguato, è necessario scendere a livello o poco al di sotto del proprio set point. Il set point è, per definizione, la percentuale di grasso nell’organismo umano in direzione della quale, per ragioni fisiologiche e costituzionali, il metabolismo tende. È ovvio che questo valore è fortemente variabile tra gli individui, raggiungendo un valore quasi unico per ogni persona.
Perché si deve perdere quasi tutto il grasso e lasciare solo quello costituzionalmente adatto al proprio corpo? I motivi principali sono due. In primo luogo, allenando l’organismo partendo da una massa grassa estremamente limitata, i risultati dell’allenamento in termini di definizione del fisico saranno più facilmente visibili. In secondo luogo, ma non per importanza, vi è una ragione di natura fisiologica: la co-presenza di tessuto adiposo e muscolare fa sì che questi competano fortemente per l’energia introdotta con gli alimenti, il che si traduce nell’accumulo di grasso in alcuni punti particolarmente antiestetici.
Di certo, chi ambisce a ottenere un fisico scolpito immagina che raggiungere un livello in cui la massa grassa è limitata e non è ancora stata ottenuta massa magra attraverso l’allenamento rappresenti assumere l’aspetto più antiestetico possibile, e per certi versi è così, ma si tratta di una condizione necessaria per poter osservare più rapidamente i risultati.


Mantenimento e allenamento

Per raggiungere il set point può essere necessario molto o poco tempo, dipende tutto dalla costituzione dell’individuo. Tuttavia, come già detto, la perdita di massa grassa è indispensabile per poter raggiungere un buon livello di definizione muscolare e dire per sempre addio alla condizione di skinny fat.
Una volta che la pancia è stata persa e i fianchi sono tornati alla loro forma originaria, infatti, è opportuno seguire un allenamento intensivo, fatto non solo di esercizi aerobici, ma anche di forza, il cui obiettivo è proprio quello di allenare il muscolo.
È però inoltre necessario seguire una dieta di mantenimento. L’obiettivo di quest’ultima è riportare gradualmente e in maniera prudente l’introito di calorie ad un valore normale. È opportuno che questa variazione sia progressiva e non netta perché, qualora ciò dovesse accadere, l’organismo potrebbe tendere ad accumulare nuovamente il grasso, portando l’ex skinny fat esattamente al punto iniziale.

Non è dunque impossibile passare dalla condizione di skinny fat a ottenere un fisico asciutto e gradevole all’aspetto esteriore. Ciò che conta, però, è l’impegno che bisogna mettere nel seguire con costanza un regime alimentare ipocalorico – soprattutto nelle fasi iniziali del processo, che sono sicuramente le più difficili – e affidarsi alle cure di un personal trainer preparato ed esperto, in grado di indirizzare ogni persona verso un programma di allenamento pensato ad hoc.


Libri consigliati

Project bodybuilding. Il libro sulla ricomposizione corporea
  • Fabrizio Liparoti
  • Editore: Project Editions
  • Copertina rigida: 472 pagine


Scopri come risolvere il mal di schiena!
Scarica la guida completa che ti permetterà di capire come affrontare i dolori alla schiena!
Accetto che i miei dati siano elaborati da MailChimp ( more information )