Ritenzione idrica: cause e rimedi

La Sindrome da ritenzione idrica è un termine generale che si riferisce ad un complesso di sintomi oggettivi e soggettivi, che caratterizzano uno specifico quadro clinico, dovuto a cause diverse. Andiamo a vedere i dettagli.

0
113

La Sindrome da ritenzione idrica è un termine generale che si riferisce ad un complesso di sintomi oggettivi e soggettivi, che caratterizzano uno specifico quadro clinico, dovuto a cause diverse. La ritenzione idrica è un disturbo piuttosto diffuso che colpisce, con diversa intensità, milioni di persone soprattutto donne (30 % della popolazione italiana femminile). All’origine del problema possono esistere gravi patologie come disfunzioni cardiache o renali, infiammazioni severe e reazioni allergiche. Spesso però il principale responsabile della sindrome è uno stile di vita sbagliato, la cui semplice correzione può apportare notevoli benefici. Proprio per la sua notevole diffusione, la ritenzione idrica è causa di problemi molto sentiti ma, spesso, sopravvalutati. Molte donne, infatti, attribuiscono erroneamente alla ritenzione il proprio sovrappeso ignorando che, in assenza di patologie importanti, il suo contributo all’incremento ponderale è tutto sommato marginale. E’ vero, invece, il discorso contrario cioè è il sovrappeso a rallentare la diuresi e favorire la ritenzione idrica.


I tipi di ritenzione idrica

Si possono distinguere:

• Ritenzione secondaria – Si tratta di ritenzione idrica secondaria a patologie spesso gravi, fra cui sono da citare l’insufficienza renale, l’insufficienza cardiaca, le patologie alla vescica o al fegato, l’ipertensione ed il linfedema. Ovvio che il trattamento della ritenzione passa attraverso la cura della patologia.

• Ritenzione iatrogena – L’abuso di farmaci, derivante dalla cattiva abitudine di voler risolvere ogni piccolo problema con un farmaco, può portare a ritenzione idrica. Le classi di farmaci responsabili sono sostanzialmente quattro: antinfiammatori, cortisonici, terapia ormonale sostitutiva (menopausa) e contraccettivi. Va evidenziato che la ritenzione è provocata dall’uso prolungato e massiccio di farmaci, mentre un uso corretto e appropriato non è responsabile di notevoli alterazioni idriche in un soggetto sano.

• Ritenzione alimentare – Il sodio è uno dei principali imputati quando si parla di ritenzione idrica, ma questo è vero solo se alcuni meccanismi (meccanismi di assorbimento) funzionano male. Ciò significa che non è l’unico e sicuro responsabile.

• Ritenzione circolatoria – È quella che dovrebbe chiamarsi primaria. La ritenzione idrica è caratterizzata dalla tumefazione dei tessuti molli, a causa dell’accumulo di liquidi negli spazi interstiziali fra una cellula e l’altra. L’origine della ritenzione è la stasi della circolazione dovuta al venire meno del corretto funzionamento del sistema venoso e di quello linfatico. A causa della mancanza di tonicità delle pareti venose, le valvole a nido di rondine che sono deputate a gestire il ritorno venoso non funzionano bene e il sangue in parte ristagna nelle vene, provocando un flusso di liquido dalle vene (degli arti inferiori e in particolare nelle caviglie) agli spazi interstiziali delle cellule.

ritenzione idrica
La ritenzione idrica colpisce soprattutto le donne

Cosa fare per la ritenzione idrica? Rimedi non alimentari

1. Evitare d’allenarsi al caldo.
Chi si allena per dimagrire coprendosi, cercando di sudare il più possibile, andrà a creare più danni che benefici. L’allenamento al caldo vasodilata, facendo si che l’acqua vada ad accumularsi sempre di più nella parte extracellulare.

2. Migliorare il ritorno venoso.
Problematiche a livello circolatorio, correlate allo scarso movimento, possono ostacolare il ritorno sanguineo e linfatico. Si consiglia quindi di svolgere lavori di allungamento per mantenere il sistema fasciale “elastico” (circonda e sostiene il sistema circolatorio). Fare attenzione a svolgere uno stretching, ma senza esagerare e solo se c’è bisogno.

3. Riattivare la massa muscolare.
Per ottenere risultati l’unico rimedio è l’allenamento, dove è indispensabile svolgere un lavoro con carichi medio elevati (allenamenti mirati all’ipertrofia muscolare con carichi sopra il 60% e non il classico lavoro con pesi leggeri). Non aver paura di avere le gambe muscolose, sarà una soluzione al tuo problema.

4. Potenziare la pompa muscolare.
La buona integrità muscolare contribuisce al ritorno venoso, quando camminiamo, o corriamo la contrazione dei muscoli degli arti inferiori aiutano il sangue a defluire. Per questo è importante dedicare una parte della giornata alla camminata o ancora meglio alla corsa (a basso impatto). Evitate di stare sia troppo seduti ma anche troppo fermi in piedi.


Come eliminare la ritenzione idrica? Rimedi alimentari

1. Controllo dell’insulina
Molti ormoni agiscono nell’omeostasi idrosalino. L’insulina ha un’azione sulla pressione sanguigna. Se si va a controllare il livello dell’insulina, vado a regolare il carico glicemico, aiutando a migliorare la circolazione e la distribuzione dei liquidi.

2. Dieta corretta.
I cibi industriali contengono al loro interno molto sodio e poco potassio e magnesio rispetto agli alimenti biologici. Se si andasse ad agire su questo fattore, si concederebbe alle cellule di richiamare più acqua al loro interno. Importante è di non evitare l’assunzione di sodio. Se lo togliamo il corpo stimolerà l’aldosterone , che tratterrà acqua. In concomitanza alla dieta ricca di potassio e magnesio, è fondamentale assumere il corretto quantitativo proteico: almeno 0,9-1g/Kg al di, più facilmente potrebbe riscontrare ritenzione idrica. Le proteine di trasporto richiamano i liquidi interstiziali e generalmente i protidi aiutano l’anabolismo cellulare. Per questo aumentare leggermente la propria quota proteica (senza esagerare), soprattutto con l’abbinamento coi pesi. Attenzione comunque a non fare diete iperproteiche povere di grassi e carboidrati. Alle proteine assumere frutta e verdura , le quali permettono l’assunzione di vitamina C e agiscono contro l’infiammazione silente, altra possibile causa di ritenzione idrica. Se il suo rapporto con la A e la E è bilanciato, avremo una buona azione sulla formazione del collagene e capillari sanguigni. Se serve aiutarsi con cibi diuretici, i quali possono essere rimedi naturali per aiutare il corpo a liberarsi dell’acqua. Asparagi, finocchi, ananas, cavolfiori, anguria, sono dei drenanti naturali che possono liberarvi dai liquidi in eccesso.

3. Introduzione di liquidi.
Bere poco non farà migliorare la ritenzione idrica. Si consiglia di assumere circa 2,5-3l al giorno come primo traguardo.


Bibliografia

Lewis GF. Devastating metabolic consequences of a life of plenty: focus on the dyslipidemia of overnutrition. Clinical and investigative medicine Medecine clinique et experimentale. 2013; 36(5): E242-7.

Hocking S, Samocha-Bonet D, Milner KL, Greenfield JR, Chisholm DJ. Adiposity and insulin resistance in humans: the role of the different tissue and cellular lipid depots. Endocrine reviews. 2013; 34(4): 463-500.

Peckett AJ, Wright DC, Riddell MC. The effects of glucocorticoids on adipose tissue lipid metabolism. Metabolism: clinical and experimental. 2011; 60(11): 1500-10

Moro C. Natriuretic peptides and fat metabolism. Current opinion in clinical nutrition and metabolic care. 2013; 16(6): 645-9.

Bergman RN, Kim SP, Hsu IR, Catalano KJ, Chiu JD, Kabir M, et al. Abdominal obesity: role in the pathophysiology of metabolic disease and cardiovascular risk. The American journal of medicine. 2007; 120(2 Suppl 1): S3- 8; discussion S29-32

Walker BR, Andrew R. Tissue production of cortisol by 11betahydroxysteroid dehydrogenase type 1 and metabolic disease. Annals of the New York Academy of Sciences. 2006; 1083: 165-84. 22.

Schwetz V, Pieber T, Obermayer-Pietsch B. The endocrine role of the skeleton: background and clinical evidence. European journal of endocrinology / European Federation of Endocrine Societies. 2012; 166(6): 959-67.

Funahashi T, Matsuzawa Y. Adiponectin and the cardiometabolic syndrome: an epidemiological perspective. Best practice & research Clinical endocrinology & metabolism. 2014; 28(1): 93-106.