Le uova non fanno male alla salute

0
1419

Le uova sono sempre state ritenute dannose alla salute ed al fegato se assunte in eccesso, soprattutto a causa della presenza di colesterolo nel tuorlo. Le ultime ricerche scientifiche hanno però stabilito che le uova non fanno male, anche se assunte in grandi quantità.

Le uova contengono una grande varietà di nutrienti e per questo non devono mancare nella dieta di nessuno. L’opinione pubblica da molti anni demonizza il loro consumo in quanto fonte di aumento del colesterolo “cattivo” (LDL) e dei trigliceridi. Anche molti medici continuano a sostenere queste affermazioni limitando ai pazienti il consumo di uova a 3 a settimana.


I nutrienti dell’uovo

Un uovo pesa mediamente 60g, il guscio 8g, l’albume 36g e il tuorlo 16g.
Un uovo medio contiene circa 230mg di colesterolo, circa l’80% del RDA consigliato, tutti nel tuorlo, la parte rossa dell’uovo. Si stima che in 100 grammi di tuorlo siano presenti all’incirca 1340mg di colesterolo.
L’albume o bianco d’uovo è ricco di proteine, con pochi di grassi e senza colesterolo; contiene però l’avidina, una sostanza che si lega alla vitamina H, la cosiddetta biotina, formando un complesso indigeribile e ostacolandone l’assorbimento. E’ quindi molto importante consumare le uova cotte, innanzitutto per ragioni igieniche (per il rischio di salmonella) e poi a causa dell’impossibilità di assorbimento della vitamina H, in quanto l’avidina, risultando termolabile, può essere inattivata con la cottura permettendo l’assorbimento della biotina.

Sono inoltre ottima fonte di micronutrienti come i carotenoidi (indispensabili per la salute degli occhi), l’arginina (per i vasi sanguigni), e acido folico (per gravidanze sane e salute cardiaca).


 Le uova contengono troppo colesterolo?

E’ innegabile che le uova contengano una quantità molto alta di colesterolo, ma è risaputo da tempo che il colesterolo assunto attraverso l’alimentazione corrisponde a circa il 15-20% del livello di colesterolo presente nel sangue. Il nostro corpo, infatti, è in grado di produrre il colesterolo e la maggior parte di esso è di natura endogena e dipende soprattutto da cause genetiche e familiari. E’ in grado inoltre di regolarne il livello, se diventa maggiore quello assunto con l’alimentazione viene ridotto quello prodotto. Questo almeno in un individuo sano, se una persona invece presenta alti livelli di colesterolo nel sangue deve necessariamente ridurre quello assunto, quindi limitare le uomo a 4-6 la settimana ma soprattutto limitare l’assunzione di acidi grassi saturi nella dieta e sostituirli con quelli polinsaturi presenti nel pesce azzurro. Anche in soggetti con ipercolesterolemia (spesso genetica e familiare), però, non è suggerito di eliminare il consumo delle uova, perchè fonte di preziosi macro e micronutrienti. E’ piuttosto consigliata l’eliminazione delle materie grasse di origine animale (burro, formaggi, salumi ecc.)

La lotta alle uova deriva dalla lotta generale agli alimenti grassi, iniziata negli anni 70 negli Stati Uniti, perchè considerati una delle cause principali di malattie cardiovascolari. Alti livelli di LDL sono dei fattori di rischio primari in questo senso e sono causati da assunzioni esagerate di acidi grassi saturi, di acidi grassi trans-monoinsaturi e, solo in minor misura, di colesterolo. Questa lotta spregiudicata ha però incentivato il consumo  i carboidrati raffinati e zuccheri semplici portando la popolazione all’obesità ed al diabete, a loro volta fattori di rischio cardiovascolari.

Gli individui sani possono quindi consumare tranquillamente le uova quotidianamente controllando però le quantità totali di acidi grassi saturi. E’ buona cosa sostituire per esempio quindi quelli provenienti da insaccati, formaggi e burro con quelli delle uova.

Bisogna considerare inoltre che l’ipercolesterolemia è spesso dettata geneticamente e non è il solo fattore di rischio di malattie cardiovascolari. Se si vuole proteggere il cuore e la salute è innanzitutto consigliato di fare molta attività fisica, di non bere alcool, non fumare e di ridurre il peso corporeo. Le uova non fanno male di certo.


Fonte: Pubmed