La truffa dei cereali integrali

3
640

Al giorno d’oggi è opinione sempre più diffusa che la farina raffinata di tipo 00 sia molto dannosa per la salute, da alcuni medici additata come veleno. Moltissimi studi scientifici concordano con queste conclusione al punto che moltissimi salutisti ne hanno rinunciato l’uso da tempo. Questo tipo di farina deriva dalla macinazione industriale del chicco di grano, che comporta l’eliminazione del germe (ovvero il cuore nutritivo del chicco, che contiene aminoacidi, acidi grassi, sali minerali, vitamine del gruppo B e vitamine E) e della crusca (la parte più esterna, particolarmente ricca di fibre). Si trova in tutti i prodotti raffinati e provoca un rapido aumento di glicemia, che causa un picco nel rilascio di insulina per controllare il livello di glucosio sanguigno. Un rilascio così elevato di insulina aumenta la quantità di grassi depositati, aumenta il livello di trigliceridi nel sangue, incrementando quindi il rischio di malattie cardiovascolari ed aumentando il peso corporeo. Questi picchi di insulina provocano inoltre nel corpo dell’individuo una sorta di insulino resistenza, con tutti gli effetti negativi che ne conseguono.

Negli ultimi tempi, il miglioramento della cultura alimentare dei consumatori, dovuta in parte anche al web, ha spinto i produttori a tornare alla produzione di prodotti integrali, tra cui farina, pane e pasta, da cereali integrali. Peccato che in realtà questo non sia un ritorno ai prodotti integrali ma solamente l’inserimento di un ulteriore processo industriale per far sembrare quello che acquistiamo integrale, e tutto a norma di legge visto che per la legge n.187 del 9 febbraio 2001: per definire un farina integrale basta che abbia un tasso di ceneri (sali minerali inceneriti) contenuto fra 1,30 e 1,70 su cento parti di sostanza secca, oltre a un tasso minimo di proteine).

cereali integrali
Cereali integrali

Quindi, invece di evitare la macinazione con cilindri metallici a superficie ruvida, che priva la farina del germe e della crusca e quindi della maggior parte dei nutrienti, dovrebbero privilegiare piuttosto cilindri in pietra che invece manterrebbero queste sostanze (ma che ne farebbero produrre un decimo ogni ora rispetto ai cilindri metallici) si è preferito inserire la crusca alla farina raffinata successivamente, aggiungendo quindi un ulteriore processo industriale. Questa combinazione è ancora più dannosa della semplice farina raffinata perchè abbina l’effetto dannoso della crusca, che riduce l’assorbimento del ferro e del calcio, a quello della farina raffinata, che aumenta l’indice glicemico.

 

L’unica soluzione sarebbe quella di indicare in etichetta se il prodotto è un integrale autentico o un falso integrale, ma questo viene ostacolato dalle multinazionali del settore visto che per produrre davvero da cereali integrali servirebbero dei rulli di pietra che girino ad una bassa velocità, tutto ciò fa diminuire nettamente la produzione oraria di farina e quindi aumentare il costo del prodotto. Vengono utilizzate invece cilindri metallici o di pietra prodotta industrialmente con un’alta velocità di rotazione che, oltre a privare la farina del germe e della crusca, la riscalda, impoverendola inoltre di altri micronutrienti come alcune vitamine e minerali.

pane integrale

Il consiglio, purtroppo, è di non fidarsi della grande distribuzione e rifornirsi quindi di rifornirsi da produttori locali. Anche navigando su internet si possono trovare aziende che producono vera farina integrale biologica e spesso la spediscono in tutta italia. Non preoccupatevi per le grosse quantità visto che questi tipi di cereali integrali, al contrario di quella raffinata, si conservano per un lungo periodo di tempo. I più famosi sono il Mulino Quaglia ed il Mulino Marino. Quando andate al supermercato fate attenzione all’aspetto del pane integrale, se sono presenti puntini scuri quella è crusca aggiunta successivamente, quindi un falso integrale; quello vero, infatti, è molto scuro omogeneamente..

Scopri come risolvere il mal di schiena!
Scarica la guida completa che ti permetterà di capire come affrontare i dolori alla schiena!
Accetto che i miei dati siano elaborati da MailChimp ( more information )